Cosa bolle in pentola a Bruxelles? Il nuovo ruolo dei settori culturali e creativi in Horizon Europe e in Creative Europe

16 Apr 15:00 - 16:30

Una delle maggiori novità del ciclo di programmazione 21-27 è il riconoscimento del ruolo e del potenziale dei Settori Culturali e Creativi come componente determinante per affrontare l’arco delle sfide della società europea. Questa nuova legittimazione, che emerge con forza nei diversi documenti strategici e nei primi programmi di lavoro, apre le porte alla generalità dei quaranta programmi comunitari, a regia diretta, indiretta e concorrente. 

Questo approccio è ben espresso nelle Politiche di Coesione e in Horizon Europe, il programma comunitario di ricerca e innovazione che insieme rappresentano quasi poco meno della metà del budget complessivo dell’UE. 

Horizon Europe include un cluster dedicato a “Cultura, creatività e società inclusiva” e l’avvio del KIC Industrie e Settori Culturali e Creative. 

Creative Europe che beneficia di un consistente incremento dei fondi, prevede interessanti modifiche alle procedure al fine di ampliare e semplificare gli accessi ai bandi.
La sessione offre un primo quadro informativo anche delle condizioni per cogliere queste opportunità. 

 

INTERVENGONO

Horizon Europe 
Ugo Bacchella | Presidente, Fondazione Fitzcarraldo 
Pier Luigi Sacco | Senior Advisor, Head of the OECD Venice Office on. Culture and Local Development

Creative Europe
Anna Conticello |  Project manager, Ufficio cultura Desk Italia Europa Creativa MiC

 

 APPROFONDIMENTO


 



 
X