Three Key Questions on Culture, Cultural Heritage and Climate Change

25 11 11:30 - 12:30
Sede:
TTB - Teatro Tascabile di Bergamo
Modalità di partecipazione:
Online e in Presenza

a cura di Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali

A gennaio 2022 la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali ha organizzato una tavola rotonda per confrontarsi su "Three Key Questions on Culture/Cultural Heritage and Climate Change". Le tre domande riguardano soprattutto in che modo è possibile essere efficaci parlando della crisi climatica, bilanciando un approccio cognitivo con uno emotivo, la responsabilità individuale con quella collettiva e valutando la possibilità di introdurre il tema della perdita, quindi dell'impossibilità di preservare tutto il patrimonio culturale esattamente come lo sperimentiamo oggi.


Tali questioni, che a noi appaiono come domande fondamentali, sono state affrontate da un panel di esperti di provenienza molto diversa: scienziati, accademici e attivisti.
Ad ArtLab riproponiamo lo stesso dibattito in occasione della pubblicazione degli Atti della conferenza, editi con una introduzione di Andrew Potts e con un'appendice dedicata a illustrare 30 progetti realizzati in questo ambito.

 

Partecipazione da remoto

in streaming su fad.fondazionescuolapatrimonio.it iscrizione previa registrazione alla piattaforma

Registrati



Partecipazione in presenza

Per partecipare in presenza all'appuntamento è necessario iscriversi alla community.
Se sei già iscritto Accedi al tuo account e clicca sul bottone Prenota.

Se non possiedi ancora un account, Iscriviti, e torna sulla pagina dell'appuntamento per prenotare il tuo posto in sala.

Modera:

Francesco Mannino, Presidente, Officine Culturali Catania

Intervengono:

Francesca Neri, Responsabile Supporto innovazione e sperimentazione, Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali

Corrado Beldì, Presidente Laterlite spa, Vicepresidente Confindustria Emilia Romagna

Arianna Tonelli, Festivaletteratura Mantova | ARC3A, Azioni per la Resistenza

Conclude:

Alessandra Vittorini, Direttore, Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali

X